Perché ogni immagine ha bisogno di un testo – Una didascalia corretta aiuta a utilizzarla

Per farla breve: Nessuna immagine lascia il mio computer senza etichetta. E per una buona ragione. Sia che io venga ingaggiato come fotografo per la stampa, sia che venga ingaggiato come fotografo per eventi e manifestazioni, sia che venga ingaggiato come fotografo d’affari. Perché solo così ha senso. È l’unico modo in cui posso recuperare le foto, l’unico modo in cui posso garantire che il contesto delle immagini sia compreso e l’unico modo in cui posso garantire, come fotografo, che le mie opere siano utilizzate solo per lo scopo per cui sono state realizzate.

Grazie all’etichettatura IPTC, il testo rimane insieme all’immagine.

Molti non sanno che è possibile salvare i testi delle immagini direttamente nell’immagine. E questo si trova nei cosiddetti metadati, un’area speciale del file. Lo standard è stato inventato dall’International Press Telecommunications Council ed è anche chiamato IPTC in breve, secondo l’abbreviazione.

I fotoreporter di tutto il mondo etichettano le loro foto in questo modo

Questo è particolarmente importante quando le foto vengono distribuite a terzi, poiché è l’unico modo per evitare malintesi o conseguenze legali.

Ad esempio, le foto per la stampa vengono spesso distribuite via e-mail insieme al comunicato stampa. La didascalia dell’immagine viene quindi scritta direttamente nell’e-mail. Fin qui tutto bene, ma questo testo spesso si perde nel percorso verso l’editor di foto. Vengono perse informazioni importanti sull’evento, sulle persone ritratte, ma anche sulle restrizioni e sui diritti d’autore.

Gli editor di foto e gli archivi lavorano con i dati IPTC

Ma come entra in scena il testo? Esistono diversi programmi che possono essere utilizzati per scrivere e leggere i testi delle immagini IPTC. Il rappresentante più noto è sicuramente Adobe Photoshop, dove è possibile accedere ai campi dati con la funzione “Funzioni file”. Irfanview appartiene ai rappresentanti gratuiti (solo per scopi non commerciali), io personalmente uso Photomechanic, con il quale è possibile anche inviare immagini, ridurle e fare qualche altra cosa. Il programma consente di elaborare e consegnare grandi quantità di foto in pochissimo tempo.

screenshot fotografo di eventi patrick lux photomechanic
Fotomeccanico – le foto possono essere facilmente etichettate con questo strumento

Ci sono molti campi nell’IPTC, il più importante dei quali è la descrizione (Photoshop) o la didascalia (Photomechanic). Qui si trova la descrizione dell’immagine, cioè chi, cosa, dove e quando. Scrivo anche la mia nota di copyright e le informazioni aggiuntive nel caso in cui venga letto solo questo campo. Non copiate i comunicati stampa completi!

È così che i fotografi e le agenzie di stampa etichettano le loro immagini, che vengono poi inviate al mondo.
Gli editor di foto utilizzano i loro sistemi per leggere questi testi e aggiungere informazioni aggiuntive alle foto, come parole chiave e note speciali.

Un’etichettatura corretta aumenta le possibilità di pubblicazione

Chi consegna ai media le proprie foto stampa correttamente etichettate in questo modo aumenta le possibilità che esse trovino spazio nei media nel modo desiderato.
Si può anche aggiungere che le foto possono essere utilizzate solo in un determinato Paese (spazialmente) o limitate nel tempo.
L’etichettatura presenta anche altri vantaggi. La ricerca Spotlight sui sistemi Mac legge i dati IPTC e quindi è possibile cercare in modo specifico le foto sul disco rigido. Soprattutto per i progetti più piccoli questo è molto pratico se non si utilizza un sistema di archiviazione delle foto; per quelli più grandi IPTC è comunque indispensabile, perché altrimenti l’archivio non sa di che tipo di foto si tratta.